Di seguito le denominazioni dei più comuni accessori per l'arco.

BOTTONE: congegno che viene utilizzato per meglio adattare la freccia all'arco ed all'arciere, al fine di consentire una migliore precisione di tiro.

CLICKER: molletta metallica che "avvisa" l'arciere quando è il momento di sganciare la freccia.

COCCA: parte della freccia situata all'estremità posteriore munita di un incavo adatto per fissare la freccia alla corda.

CORDA: serve per mettere in trazione l'arco; si aggancia alle estremità dei due flettenti.

DIOTTRA: punto di riferimento per la mira, è tenuta in posizione dal "gruppo" mirino. 

DRAGONA: sistema di ancoraggio dell'arco al braccio, per evitare che l'arco cada dopo il rilascio.

FARETRA: contenitore portafreccia dell'arciere. Ne esistono diverse versioni da cintura e da spalla.

FLETTENTI: sono due e si agganciano al riser alle due estremità inferiore e superiore e, flettendosi, sono deputati a fornire forza propellente alla freccia.

FRECCIA: asta sottile di alluminio, carbonio o legno provvista di punta, alette e cocca.

GRIP: zona centrale del riser dove viene appoggiata la mano "dell'arco"; può essere di legno o di plastica.

MIRINO: sistema di puntamento, regolabile a piacimento dall'arciere per adattarlo al meglio alle condizioni di tiro.

PARABRACCIO: si indossa sull'avambraccio che tiene l'arco e provvede non solo a proteggere la parte da eventuali "frustate" della corda ma pure ad evitare che la traiettoria della corda subisca eccessive variazioni al contatto di indumenti.

PARASENO: di forma particolare, in caso di errato rilascio, serve a proteggere il petto da un eventuale impatto della corda. Anche questo accessorio può evitare che la traiettoria della corda subisca variazioni al contatto di indumenti.

PATELLETTA: protezione per le dita della mano che tende la corda.

PUNTO D'INCOCCO: un definito punto sulla corda dove viene "incoccata" la freccia per il tiro.

REST: è detto anche "poggiafrecce", serve per appoggiare la freccia nell'atto del tiro.

RISER: parte centrale dell'arco a cui vengono agganciati in vario modo altri componenti per dar vita all'arco olimpico ovvero all'arco nudo.

SERVING: è un avvolgimento di protezione e si trova sia nella parte centrale della corda che alle due estremità.

SGANCIO (MECCANICO): usato dai compoundisti, serve a tendere la corda dopo averla agganciata al loop, portarla al punto d'ancoraggio e, appunto, sganciare la corda. Questo accessorio è stato concepito con il principale scopo di evitare le interfenze del rilascio manuale.

STABILIZZATORE: asta che si aggancia alla parte anteriore e centrale dell'arco allo scopo di limitare le oscillazioni dell'arco in fase di scocco della freccia.

VISETTE: punto di riferimento di mira sulla corda per i compound. Ha la forma di un dischetto forato.

Altre informazioni su: Wikiarco, a cura della Federazione Italiana Tiro con L'Arco